Domande correlate

Formazione dura sul pene, Vuoi inviare una domanda?

Ha le dimensioni di un piccolo cece, è molto duro al tatto ma non dolente. Non riscontrando particolari problemi né alla minzione né all'erezione, non mi sono preoccupato ed ho lasciato perdere.

formazione dura sul pene rafforzamento dellerezione e prolungamento del rapporto sessuale

Adesso mi sono accorto che a pene eretto, si sono creati due "avvallamenti" ai bordi laterali del pene come se mancasse del tessuto piuttosto estesi e profondi che danno uno strana forma al pene oltre a ridurne in modo consistente le dimensioni della radice.

Ho formazione dura sul pene anni. Ho subito due operazioni di ernia inguinale nel e nel Prima di intraprendere analisi specifiche gradirei avere una sua opinione.

formazione dura sul pene pene vibrante

La ringrazio e La saluto Caro lettore, quella che lei mi descrive è verosimilmente una placca fibrosa del pene dovuta a fibrosi acquisita della tunica dei corpi cavernosi induratio penis plastica o sindrome di Peyronie o per retrazioni cicatriziali di varia eziologia. Qualunque sia la causa spesso queste placche determinano una alterazione anatomica del pene. Oltre ad una attenta valutazione obiettiva è certamente di utilità diagnostica un esame ecografico del pene sotto stimolo con prostaglandine ecocolordoppler penieno dinamico per una corretta definizione della lesione.

formazione dura sul pene perché il pene è diventato storto

Al momento le principali opzioni terapeutiche sono rappresentate dalla somministrazione di un calcio antagonista verapamil per via iniettiva intralesionale o attraverso iontoforesi. Professor Massimo De Martino Gentile dottore,?

formazione dura sul pene trattamento di erezione con miele

Sembre un come un nervetto molto duro, ma non mi fa fastidio. Cosa mi consiglia di fare???

Introduzione al NARCISISMO. S Frued (audiolibro di TuEdIo)

Paolo TV Caro Paolo, ritengo che la lesione che lei mi descrive possa essere una piccola placca fibrosa della tunica albuginea del pene. Le consiglio decisamente di consultare un urologo per una precisa definizione diagnostica eventualmente anche attraverso un ecocolordoppler penieno dinamico ove fosse necessario e per iniziare quanto prima una terapia con calcio antagonisti verapamil per via iniettiva intralesionale o per iontoforesi.

formazione dura sul pene mancanza emotiva di erezione